Criptovalute

Conflitto in Ucraina solleva le cripto, Bitcoin torna sopra $44 mila

0

Dopo aver toccato un minimo di 37.000$ nella giornata di domenica, l’universo cripto ha sono decollati da ieri pomeriggio, con il Bitcoin che nella serata di lunedì ha raggiunto un picco intraday di 44.200$ registrando un rialzo del 19% nelle ultime 24 ore. Al momento, il Bitcoin viene scambiato a 43.400 dollari (+13%), mentre l’Ethereum vale 2.900$ (+11%).

Le ragioni di questo movimento rialzista non sembrano chiare, nonostante alcuni analisti abbiano menzionato un legame con la situazione in Ucraina e le sanzioni internazionali contro la Russia, dopo che il vice primo ministro ucraino Mykhailo Fedorov, ha chiesto “a tutti i principali scambi di criptovalute di bloccare gli indirizzi degli utenti russi”.

Europa e Stati Uniti hanno bandito alcune banche russe dalla Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication (SWIFT), la rete di messaggistica che supporta le transazioni finanziarie globali, impedendo a questi istituti di effettuare qualsiasi transazione interbancaria con entità non russe. Tuttavia, è risaputo che la Russia considera la criptovaluta un mezzo per aggirare le sanzioni finanziarie.

Edward Moya, analista di Oanda Americas, ha osservato che le sanzioni russe “rafforzano le argomentazioni per i prodotti blockchain che competeranno con la rete SWIFT”. “Il Bitcoin e tutte le principali altcoin sono in aumento poiché gli investitori si rendono conto della probabilità di ingenti investimenti nella finanza decentralizzata dopo l’ultimo round di sanzioni russe”, ha aggiunto.

Secondo John Kicklighter, chief strategist di DailyFX, “mentre l’Occidente solleva pesanti sanzioni contro la Russia, incluso l’accesso al sistema di pagamento SWIFT, il caso d’uso di un canale decentralizzato per la finanza è perfettamente presentato”, ha scritto.

Adam Farthing, responsabile del rischio per il Giappone presso la società di trading di criptovalute B2C2, ha affermato che il Bitcoin potrebbe “ridurre i rischi” e iniziare a fare trading più come copertura contro l’instabilità geopolitica e il riscaldamento globale e l’inflazione, mentre per Louis Curran, managing partner di Gigabyte Investment, le cripto “possono beneficiare di parte dell’instabilità che probabilmente colpirà il dollaro e l’euro con l’intensificarsi delle tensioni internazionali”.

Da un punto di vista tecnico, il ritorno sopra la soglia dei 40.000$ ha notevolmente migliorato il profilo del Bitcoin. L’area dei 44.000$ è la prima resistenza, prima di una seconda resistenza più chiara a circa 45.500$. Al ribasso, le soglie di $ 42.000 e $ 40.000 sono i primi importanti supporti da tenere in considerazione.

Netflix non rispetterà le leggi russe sui canali di stato

Previous article

Cina: attività fabbriche si espande a febbraio, ma restano problemi

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Criptovalute