A New York Stock Exchange employee uses his phone on Wall St. outside the New York Stock Exchange (NYSE) in New York City, New York, U.S., November 9, 2020. REUTERS/Brendan McDermid
Economia

Futures USA, Powell e AstraZeneca: cosa sta succedendo sui mercati

0

Investing.com – I mercati azionari stanno guardando ai nuovi piani fiscali del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, i quali potrebbero colpire meno aziende di quanto suggerito dalla sua campagna elettorale, con i nuovi dettagli dal Tesoro che stanno supportando i futures sui titoli tech in attesa dell’apertura di Wall Street. Sale l’attesa per i dati sulle richieste di sussidi di disoccupazione settimanali negli Stati Uniti che, secondo il consenso, riprenderanno la tendenza al ribasso la scorsa settimana, mentre il presidente della Federal Reserve Jerome Powell parlerà alle 1700 CEST. Tra i titoli, AstraZeneca si apprezza nonostante le preoccupazioni sulla sicurezza del suo vaccino arrivate dall’EMA e dagli esperti in UK. Ecco cosa sta succedendo sui mercati finanziari questo giovedì:

1. Biden “ammorbidisce” il piano fiscale per le corporate
I piani del presidente Joe Biden di aumentare le corporate tax si stanno rivelando meno ambiziosi di quanto annunciato nella campagna elettorale. Mercoledì, il Tesoro USA ha rilasciato ulteriori dettagli sui suoi piani, con l’imposta minima del 15% proposta la scorsa settimana da Janet Yellen che si applicherebbe solo alle società con un reddito annuo superiore ai 2 miliardi di dollari, rispetto alla soglia dei $ 100 milioni propagandati l’anno scorso.

Le proposte hanno dato vita a una spinta multilaterale per concordare un quadro comune per la tassazione delle società. I ministri delle finanze del G20 hanno discusso la questione mercoledì e ora mirano nuovamente a un accordo entro luglio. L’iniziativa, che ha quasi un decennio, ha già mancato molte di queste scadenze, ma se si realizzerà, potrebbe scongiurare la creazione di tasse nazionali sulle società di servizi digitali, rimuovendo uno dei principali punti di contesa tra Stati Uniti ed Europa.

2. Richieste di disoccupazione
I dati sui sussidi di disoccupazione della settimana pasquale verranno resi noti alle 1330 CEST, con il mercato che prevede una nuovo diminuzione dopo un balzo inaspettato a 719.000 la settimana precedente. Gli analisti si aspettano 680.000 richieste di sussidio di disoccupazione iniziali, il secondo più basso dall’inizio della pandemia.

Altrove, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell dovrebbe parlare alle 1700 CEST alla riunione virtuale di primavera del Fondo monetario internazionale, ma è improbabile che verranno aggiunti maggiori dettagli circa la politica monetaria della Fed molto dopo i verbali dell’ultima riunione politica rilasciati ieri sera.

3. Futures in rialzo a Wall Street, tecnologici supportati dai piani fiscali
I mercati azionari statunitensi dovrebbero aprirsi in positivo giovedì, dopo due giorni di ribassi, con l’ammorbidimento dei piani fiscali del presidente Biden che migliora il sentimenti verso i Big Tech. I {{8873|Future Dow Jones 30}} sono in ribasso di 16 punti, {{8839|Future S&P 500}} sono in rialzo di 12 punti, mentre quelli sul {{8874|Future Nasdaq 100}} segnano un falso si oltre 118 punti.

Le azioni sotto la lente dei trader includono il birrificioConstellation Brands Inc Class A (NYSE:STZ), il cui outlook sarà influenzato dall’impatto previsto della riapertura economica, e l’azienda alimentare ConAgra Foods Inc (NYSE:CAG). Entrambe le società rilasceranno entrambi i guadagni trimestrali alle 1730 CEST. Focus anche su Twitter Inc (NYSE:TWTR) dopo le voci delle trattative con il social Clubhouse.

4. Titolo di AstraZeneca in rialzo nonostante timori sul vaccino
Le azioni diAstraZeneca PLC (LON:AZN) aumentano del 2,7% a Londra dopo una dichiarazione aggiornata dell’EMA che si è rivelata meno negativa delle previsioni. L’Unione Europea, e ora anche il Regno Unito, riconoscono entrambi un possibile legame tra il vaccino e disturbi della coagulazione del sangue, ma le autorità continuano a sostenere che i rischi “sono controbilanciati dai benefici”. L’Agenzia britannica per i medicinali e la regolamentazione sanitaria ha identificato 19 decessi dovuti a tali coaguli di sangue, dopo aver dispensato 20 milioni di colpi di AstraZeneca.

A livello globale, il vaccino ha il maggior numero di ordini anticipati qualsiasi farmaco Covid-19, grazie alla politica di AZ di venderlo a prezzo fisso finché dura la pandemia. Per questo, qualsiasi prova di una sua pericolosità potrebbe costituire una minaccia per le campagne di vaccinazione anche nei paesi più poveri come l’India e Brasile, che stanno attualmente vivendo la peggiore ondata di casi di Covid-19.

Papa scrive a Fmi e Banca mondiale: tagliate debito a Paesi poveri

Previous article

Perché Wall Street può resistere al ritorno dell’inflazione

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Economia