Azioni

Generali, chiuso acquisto titoli Cattolica per 105,3 milioni

0

Generali ha concluso l’acquisto di oltre 15,6 milioni di azioni ordinarie di Cattolica di Assicurazione, pari a circa il 6,834% del capitale sociale di quest’ultima, attraverso una procedura di reverse accelerated book-building (RABB), rivolta esclusivamente a investitori qualificati in Italia e investitori istituzionali esteri.

Lo annuncia lo stesso Gruppo del Leone di Trieste indicando che Equita SIM ha operato quale intermediario autorizzato e sole bookrunner dell’Operazione.

Il corrispettivo per l’acquisto delle predette azioni è pari ad Euro 6,75 per ciascuna azione, che incorpora un premio sul prezzo di chiusura dell’azione ordinaria Cattolica alla data di ieri, 23 maggio 2022, pari al 7,7% circa, per un esborso complessivo di Euro 105,3 milioni circa. Il regolamento dell’operazione avverrà in data 26 maggio 2022.
Per effetto dell’Operazione, Generali – che prima del perfezionamento della stessa già deteneva n. 192.896.731 azioni Cattolica, pari al 84,475% circa del capitale sociale della stessa – giunge a detenere direttamente il 91,308% circa del capitale sociale di Cattolica.

Tenuto conto della partecipazione già detenuta complessivamente da Generali in Cattolica (computando in detta partecipazione, ai sensi dell’art. 44-bis, comma 5, del Regolamento Emittenti, anche le azioni proprie detenute, alla data del presente comunicato, da Cattolica stessa, ossia n. 450.397 azioni ordinarie pari al 0,197% del capitale sociale), il perfezionamento dell’Operazione determina il raggiungimento di una partecipazione complessiva di n. 208.951.310 azioni ordinarie pari al 91,506% del capitale sociale di Cattolica e, pertanto, il superamento della soglia del 90%.

Conseguentemente, Generali ottempererà all’obbligo di acquistare dai restanti azionisti di Cattolica che ne facciano richiesta tutte le residue azioni ordinarie in circolazione che, alla data del presente comunicato, risultano pari a n. 19.396.670 azioni ordinarie (le
“Azioni Residue”), corrispondenti a circa il 8,494% del capitale sociale di Cattolica (l’“Obbligo di Acquisto”).

Nel caso in cui, ad esito dell’adempimento dell’Obbligo di Acquisto, Generali venisse a detenere una partecipazione complessiva almeno pari al 95% del capitale sociale di Cattolica, Generali dichiara “sin d’ora la propria volontà di avvalersi del diritto di acquistare le restanti azioni”.

Ecco AMD, Nvidia e Micron al Computex 2022

Previous article

Borse Ue in rosso, a Wall Street crolla Snapchat

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Azioni