Cryptocurrencies are seen on a website that tracks the value of initial coin offerings (ICO) in this illustration photo taken September 5, 2017. REUTERS/Thomas White/Illustration
Criptovalute

Record di attività per gli indirizzi Ethereum

0

L’attività degli indirizzi Ethereum ha fatto segnare un nuovo record. Non si tratta di un record assoluto, ma del picco massimo da due anni a questa parte. Infatti era da maggio del 2018 che non si registravano così tanti indirizzi Ethereum attivi nelle 24 ore.

Lo ha rivelato Santiment, che su Twitter ha condiviso il suo apposito grafico che mostra come nelle ultime 24 ore sono stati più di 486.000 gli indirizzi pubblici attivi sulla blockchain di Ethereum.
Inoltre nell’ultimo mese non sono quasi mai scesi sotto quota 350.000, rivelando che non si tratta di un picco isolato, ma di un massimo raggiunto in un periodo già molto attivo.

Basti pensare che a fine gennaio si era verificato un picco minimo inferiore ai 160.000, ovvero tre volte meno rispetto al picco massimo di ieri.

Nemmeno durante la breve bull run di metà 2019 si era verificata una tale attività: bisogna risalire alla prima metà del 2018 per ritrovare volumi simili.

È probabile che questa recente accelerata, non legata alla crescita del prezzo di ETH, sia dovuta alla DeFi o alle stablecoin come USDT, visto che gli indirizzi Ethereum possono ricevere, conservare ed inviare qualsiasi token ERC20.

In particolare sembra essere proprio il token ERC20 di USDT il maggior singolo responsabile di questi volumi. D’altronde Tether è in crescita continua da diversi mesi, ed ormai la stragrande maggioranza dei token USDT viaggia proprio su Ethereum.

Tuttavia oltre a Tether sono sicuramente i protocolli di finanza decentralizzata gli altri grandi protagonisti di questa crescita.

Ma non è solo il numero di indirizzi attivi ad aver fatto registrare volumi sostenuti sulla blockchain di Ethereum.

Anche il numero di transazioni giornaliere è molto elevato.

Confrontandolo ad esempio con quello sulla blockchain di Bitcoin si scopre non solo che è ormai da diverso tempo che rimane costantemente superiore, ma che addirittura negli ultimi giorni ha superato il triplo.

Ad esempio il 23 giugno si sono registrate oltre 1,1 milioni di transazioni in un singolo giorno sulla blockchain di Ethereum, mentre su quella di Bitcoin se ne sono registrate solo 355.000.

Questi sono volumi che si sono registrati solamente durante la bolla speculativa di fine 2017, e che dimostrano come la blockchain di Ethereum sia sempre più usata.

Un breakout al di sopra del canale discendente potrebbe far arrivare BTC a 10.000$

Previous article

Bitcoin: volatilità ai minimi da 9 mesi

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

More in Criptovalute